Brotherhood

Fratellanza.
Questo è il termine che più descrive il rapporto che ci lega al Jiu Jitsu Club di Luca Profeta e Francesco Gardini.
Come una famiglia, in cui i fratelli maggiori guidano e aiutano quelli più piccoli alla scoperta del mondo; loro che sono i nostri fratelli maggiori, ci danno una mano a crescere sani e forti.
Ieri abbiamo unito le due realtà su un unico tatami; il nostro.

Ieri i nostri ragazzi si sono confrontati con i loro, i fratelli maggiori, scoprendo che il Jiu Jitsu, sebbene sia un’arte marziale con tecniche ben definite ed uguali per tutti, come tutte le arti è l’espressione di se stessi, del proprio carattere:
c’è quello introverso e riflessivo, che lotta “ascoltando” il corpo del proprio uke ed adattando la risposta; quello irruento ma preciso, che inserisce sempre nel momento giusto e con precisione matematica il movimento più adeguato; quello a cui piace mettersi in situazioni difficili, per vedere se è capace di uscirne, ecc.
Insomma ad ognuno il suo Jiu Jitsu.
Grazie ragazzi per aver condiviso con noi questi preziosi momenti di passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *