Esercitazioni nel lago Lanci degli alpini paracadutisti

È iniziata ieri, sul lago di Garda, l’attività di addestramento con impiego di imbarcazioni da parte del 4° Reggimento Alpini Paracadutisti e proseguirà fino a giovedì. In queste giornate sarà infatti interdetta la navigazione nelle acque antistanti il porto Manfredi a Peschiera del Garda, il lido Ronchi a Castelnuovo del Garda e la località Punta San Viglio nel Comune di Garda. Durante l’addestramento, nelle giornate di domani dalle 14 alle 23 e giovedì dalle 14 alle 18 ci sarà anche una prova di rilascio di personale nelle acque del lago da un elicottero dell’aviazione dell’esercito a Pacengo, frazione di Lazise o in alternativa a Malcesine. Il 4° Reggimento Alpini Paracadutisti è un reparto di forze speciali dell’esercito militare ed è composto da personale addestrato per quelle che sono considerate «operazioni speciali». La preparazione di questi militari, infatti, permette loro di acquisire capacità tipiche della specialità da montagna degli alpini e delle aviotruppe dei paracadutisti. Il 4° Reggimento è l’unica unità di forze speciali dell’esercito specificatamente designata e qualificata per condurre operazioni in ambiente montano e artico. La qualifica che viene attribuita ai militari che completano la selezione e l’addestramento che dura due anni, è quella di «Ranger». Il reggimento opera alle dipendenze del Comando delle Forze Speciali dell’Esercito (Comfose) ed è di stanza a Verona. Non è la prima volta che il lago di Garda diventa scenario di addestramenti come quelli dei militari italiani e americani organizzati sempre a Pacengo nel 2015 e nel 2017, o di lanci fatti per raccolte fondi destinati alla beneficenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *